La bella la va al fosso

Canzoni Popolari

in dialetto

La bella la va al fosso

(ravanèi remulass

barbabietole e spinass

tre palanche al mass)

la bella la va al fosso

al fosso per lavar

ué, al fosso per lavar.

 

Intanto che la lava

(ravanèi remulass

barbabietole e spinass

tre palanche al mass)

intanto che la lava

ghe burla dént l'anèl

sì, ghe burla dént l'anèl.

 

E la si mise a piangere

(ravanèi remulass

barbabietole e spinass

tre palanche al mass)

e la si mise a piangere

la vide un pescator

eh la vide un pescator.

 

O bella perché piangi?

(ravanèi remulass

barbabietole e spinass

tre palanche al mass)

o bella perché piangi,

se vuoi ti aiuterò

ué, se vuoi ti aiuterò.


Testo trovato su http://www.canzoncine.it
 

O pescator dell'onda

(ravanèi remulass

barbabietole e spinass

tre palanche al mass)

o pescator dell'onda

pescatemi l'anèl

ué pescatemi l'anèl.

 

Quando l'avrai pescato

(ravanèi remulass

barbabietole e spinass

tre palanche al mass)

quando l'avrai pescato

un dono ti farò

un bel dono ti farò.

 

Andrem sulle montagne

(ravanèi remulass

barbabietole e spinass

tre palanche al mass)

andrem sulle montagne

insieme a far l'amor

ué, insieme a far l'amor.

Se ti piace La bella la va al fosso - Canzoni Popolari ricordati di commentare!!
Con il tuo voto la farai salire nella classifica generale!


I video presenti sono visualizzati tramite ricerca di youtube e potrebbero non essere corretti

 

Ti è piaciuto il testo e il video di La bella la va al fosso di Canzoni Popolari? Lascia un commento!
La bella la va al fosso in classifica

La bella la va al fosso si trova in 106ª posizione con 6 punti!

Falla salire di classifica lasciando un commento o condividendola su Mi piace e su +1 qui sotto!

 


Inserisci il tuo commento
Nome:

Email:

Commento:

Inviando dichiari di aver accettato i disclaimer. Puoi rispondere ad un commento cliccando sul pulsante relativo.
Modifica il tuo avatar qui


  • Come la cantavamo al mio paese (Sant'Albino, già Cascine Bastoni, frazione di Monza, sulla provinciale per Imbersago), dopo "ue pescatemi l'anel", continuava così: Mi sì che te lo pesco, ma voeri ves pagà ecc. Ti dò tracento scudi, la borsa di dané... Né oro né argento, ma voeri un bel basin... Nel mezzo della festa ghe salta for so pà... Papà papà perdono, non lo farò mai più... E poi lo fece ancora, lo fece ancor di più... Scritto da Leonardo il 3 aprile 2020 alle 09:39 - Rispondi